Apparecchi industriali: Individuazione morsetti

AvatarDiFabio Gangemi

Apparecchi industriali: Individuazione morsetti

Le norme “CEI” forniscono le regole per individuare correttamente i morsetti relativi agli apparecchi industriali a bassa tensione (minore 1000V).

Relè (bobine)

La marcatura dei morsetti dei “relè” (bobine) e di dispositivi analoghi, è riportata nella seguente tabella.

Identificazione morsetti dei relè(bobine) secondo le norme CEI

Contattori

Nei “contattori”, la marcatura dei contatti principali avviene utilizzando i numeri dispari per i morsetti in ingresso e i numeri pari per quelli di uscita.

Numerazione contatti principali dei contattori secondo le norme CEI

Di seguito l’immagine di un contattore a 3 poli della Schneider Electric.
Sulla stesso sono visibili gli ingressi principali 1L1, 3L2, 5L3 e le uscite 2T1, 4T2, 6T3. Sono visibili anche i contatti ausiliari presenti direttamente sullo stesso NO(13,14) NC(21,22) e i contatti di alimentazione della bobina (A1,A2).

Contattore Schneider 3 poli

 

Contatti ausiliari

Nei morsetti dei “contatti ausiliari” il contrassegno è determinato dalla combinazione di due numeri:

  1. Numero di funzione
  2. Numero di sequenza

Nella tabella seguente viene riportata l’identificazione dei morsetti per i contatti ausiliari secondo le norme CEI:

Identificazione dei morsetti per i contatti ausiliari secondo le norme CEI

Di seguito l’immagine di un blocco per contatti ausiliari che può essere montato su un contattore. Sullo stesso sono visibili i numeri che contrassegnano i vari morsetti. Inoltre sono riportati le sigle NC e NO per indicare quali contatti sono “normalmente aperti” e quali contatti sono “normalmente chiusi”.

Blocco contatti ausiliari Schneider Electric

Relè termico

Sul “relè termico”, detto anche interruttore termico, per i contatti principali, la marcatura avviene con la stessa modalità dei contatti principali, come per i contattori. Per in contatti ausiliari, si usano i numeri di funzione dei contatti con funzioni speciali (5,6,8). Come numero di sequenza si utilizza il 9 e se necessario un ulteriore numero si utilizza lo 0(zero).

Di seguito un’immagine riportante la marcatura per i relè termici.

Numerazione dei morsetti relativi ai relè termici secondo norme CEI

Di seguito l’immagine di un relè termico. Si possono notare i contatti di potenza (T1,T2,T3) e i contatti ausiliari NO (97-98) NC (95-96) Nella parte alta sono visibili i tre contatti in rame che vengono inseriti sui contatti principali di uscita del contattore.

Relè termico Schneider Electric

Di seguito una tabella contenente la composizione dei contatti ausiliari presenti sui contattori di potenza.

  1. Relè
  2. Contatti di potenza
  3. Numero di identificazione
  4. Contatti ausiliari

Composizione dei contatti ausilari contattore di potenza

Alcuni contattori sono contraddistinti dalla lettera E, per gli stessi la composizione dei contatti è la seguente:

  1. Identificazione (modello contattore 10E 20E 30E ecc… )
  2. Bobina
  3. Elementi di contatto

Composizione dei contatti ausilari contattori di potenza modello E

Nota: Altre tipologie di contattori, come anche atre tipologie di dispositivi, hanno sigle differenti per l’identificazione degli stessi e relativi morsetti.

Motore Trifase

I morsetti del “motore trifase” sono contraddistinti dalle sigle U1, V1, W1. Se si collegano rispettivamente L1, L2, L3 ai terminali U1, V1, W1 il senso di rotazione sarà quello orario. Se si vuole invertire il senso di rotazione bisogna scambiare due fasi.

Collegamenti morsetti motore asincrono trifase

Nell’immagine sopra riportata sono rappresentati diversi collegamenti relativi ai Motori asincroni trifase.

  1. Morsettiera a 6 morsetti, collegamento delle tre fasi;
  2. Collegamento delle fasi a stella, senso di rotazione orario;
  3. Collegamento delle fasi a triangolo, senso di rotazione orario;
  4. Collegamento delle fasi a stella, senso di rotazione antiorario (inversione di L2 con L3)
  5. Collegamento delle fasi a triangolo, senso di rotazione antiorario (inversione di L1 con L3)

Conclusioni

Per conoscere la disposizione dei vari contatti e relativi morsetti bisogna fare sempre riferimento ai manuali rilasciati dai vari costruttori i quali poi devono sempre attenersi alle norme (CEI, IEC, CENELEC, Ecc…)

Molti contattori e dispositivi vari, riportano stampato sugli stessi quali dei loro contatti sono aperti, chiusi, o se hanno un “contatto di interscambio”, sugli stessi sono presenti le rispettive sigle NO, NC, CO.

In alcuni casi viene riportato lo schema funzionale o di montaggio che aiuta e rende molto più facile capire come collegare correttamente il dispositivo e che tipo di contatti sono presenti nei rispettivi morsetti.

Per iniziare a realizzare i primi impianti elettrici industriali, a capire come collegare contattori, contatti ausiliari, relè termici, ecc… quanto appena riportato vi sarà sicuramente utile.

Rimango sempre a vostra disposizione. Domande, consigli, sono sempre ben accetti. Se volete contribuire, con la pubblicazione di materiale che ritenete interessante, da condividere, fatemi sapere.  

Info sull'autore

Avatar

Fabio Gangemi administrator

Docente a contratto presso MIUR, Project Manager presso Osticket.it. Collaboro con diversi professionisti per divulgare articoli, informazioni utili, riguardanti la tecnologia e il suo buon uso.

You must be logged in to post a comment.