Internet: il web perde il controllo delle informazioni

La web-spazzatura invade facebook. Migliaia sono i contenuti fake condivisi ogni giorno.
Non so voi ma io ho come l’impressione che internet negli ultimi anni stia diventando sempre di più uno strumento per condividere spazzatura, contenuti inutili, ingannevoli giusto per restare in tema meglio definiti come “fake”, falsi.

Nel peggiore dei casi si tratta di contenuti che aizzano alla violenza, al razzismo, all’allarmismo generale.

Si pensava fino a poco tempo fa che internet sarebbe stata l’antidoto alla TV-Spazzatura, dove come ormai siamo abituati a vedere, i politici hanno preso il posto delle vallette nei programmi di varietà, i mafiosi vengono ospitati nei talkshow come fossero personaggi famosi, quasi da prendere come buon esempio.

Correvano gli anni 90 nascevano i primi siti web, i primi programmi di file sharing come Napster. Eravamo ai tempi dei modem 56K, e i dialer incuotevano tanta paura oltre che mietevano molte vittime. Il web era accessibile per lo più a una ristretta cerchia di persone. Nella maggior parte dei casi si trattava di utenti appassionati di tecnologia, informatica. Accedere ad internet non era tanto facile come accade oggi.

Nei primi anni del 2000 Facebook fa la sua comparsa e cambia radicalmente il modo in cui veniva utilizzato il web. Grazie alla sua facilità d’uso in poco tempo cattura e catalizza l’attenzione di migliaia di utenti che si riversano sul social network blu alla ricerca di visibilità, notorietà, e chi più ne ha più ne metta.

Non è mia intenzione puntare il dito contro facebook se esso sia un bene o un male per internet o la società, ma sta di fatto che in poco tempo lo stesso è diventato per molti il punto di riferimento primario dal quale trarre informazioni e purtroppo il proliferare di notizie, contenuti falsi, ingannevoli ha fatto sì che la web-spazzatura aumentasse in modo spropositato.

Anche Facebook si è resa conto di tutto questo e da qualche anno a questa parte sta tentando di porvi rimedio.

Si chiama clickbait quella pratica adoperata da malintenzionati che attraverso titoli spudorati, ingannevoli attirano gli utenti affinché a loro volta condividano la relativa notizia “falsa”, riportata a sua volta su siti altrettanto falsi.

Questo pratica sembra proprio aver preso il sopravvento sul social network di Mark Zuckerberg che viene invaso quotidianamente dalla web-spazzatura. Centinaia se non migliaia di news, contenuti falsi.

Complice forse il fatto che la maggior parte degli utenti che utilizzano facebook lo fanno in modo "superficiale", fermandosi a leggere solo i titoli di queste news fasulle, senza andare oltre per verificare la veridicità delle notizie e l’affidabilità della relativa fonte.

Se vogliamo una rete pulita gli utenti dovrebbero fare più attenzione a quanto condividono, la differenziata va fatta anche e soprattutto a partire da qui. Siamo prima di tutto noi stessi responsabili di quello che circola sul web.

E giusto esprimere la propria opinione, in Italia siamo ancora in democrazia non so ancora quanto durerà ma una cosa è certa: il web grazie anche a facebook permette di farlo in modo veloce e diretto, soprattutto grazie poi alla risonanza mediatica degli altri utenti quanto scriviamo può avere un effetto domino,incredibile e diventare virale. Ma condividere cose non vere che contribuiscano all’accedere focolai di intolleranza, violenza non va affatto bene.

E buona norma prima di condividere qualcosa di informarsi e soprattutto se si incontra una “bufala”, non quella della mozzarella, o se siamo in dubbio che essa lo sia di segnalare la stessa a questa comunità che vi elenco il rigo sottostante nata qualche anno fa proprio in merito alla web-spazzatura che invade internet.

Bufale.net
facebook.com/bufala

Solo un uso corretto della rete potrà far sì che il web non diventi come la TV, impossibile forse vista la complessita del mondo di cui e composto internet ma sicuramente evitare di condividere le zozzerie che invadono la rete, significa aver fatto la propria buona azione.

E voi cosa ne pensate della web-spazzatura, il web e differente dalla TV? Meglio o peggio? Soluzioni?
      >>  

Categorie News